NL - FR - EN - DE - IT

Aperto da martedì a sabato dalle 10.00 alle 17.00. Chiuso la domenica e i giorni festivi.

Lunedì su appuntamento.

☕Oldtimers & Coffee - Domenica 07/07/2024☕

  

Eventi - Oldtimerfarm

Non esitate a contattarci via e-mail: info@oldtimerfarm.be o a chiamare il numero +32 472 40 13 38.

Maserati Biturbo S '94

€ 27.500

Riferimento ch9404
Marchio Maserati
Modello Biturbo S '94
Tipo berline
Anno di costruzione 1994
KM 006592
Cilindrata 1996
Cambi manuale
Volante guida a sinistra
Prezzo € 27.500
  • Molto raro in queste condizioni pari al nuovo
  • Veicolo italiano del 1984, prodotto solo circa 150 volte in questa serie S
  • Acquistato del 1984 da un collezionista di Maserati, immatricolato per la prima volta nel 1994 e conservato in quella stessa collezione fino al 2012
  • Solo 18 veicoli prodotti con questi sedili Missoni
  • Chilometraggio basso e corretto: 6552 km

  

Il Maserati Biturbo fu lanciato nel 1981 sotto l'ala di Alessandro De Tomaso con l'obiettivo di salvare la Maserati dalla bancarotta. L'obiettivo di De Tomaso era quello di portare sul mercato una vettura familiare sportiva che potesse essere prodotta in grandi quantità. Maserati era già conosciuta per il suo lusso e ciò non cambiò affatto. L'arrivo della Biturbo significò anche l'introduzione di alcune tecnologie senza precedenti che fecero quasi schizzare la potenza del motore alle stelle.

Alessandro De Tomaso è un pilota di auto da corsa italiano e fondatore del marchio di auto sportive De Tomaso, di origini argentine che ha preso il controllo della Maserati dalla Citroën nel 1975. Era l'uomo che mirava a generare entrate nella Maserati quasi fallita. Il suo piano era quello di sviluppare una vettura familiare sportiva, lussuosa e accessibile che il pubblico avrebbe desiderato, salvando alla fine la Maserati dal collasso. Dictum factum: nel 1981 il Maserati Biturbo colpì il mercato. Era una vettura familiare accessibile con un "piccolo" motore V6 da 2,0 litri che era economico da acquistare e con bassi tassi di tasse in Italia. I paesi limitrofi avevano tasse stradali significativamente inferiori, motivo per cui Maserati progettò motori V6 più grandi per l'esportazione.

Il motore incorpora una tecnologia senza precedenti e innovativa. Ogni cilindro era dotato di tre valvole che mantenevano alte velocità dei gas a bassi RPM, che venivano poi completati da due turbocharger che rispondevano in anticipo durante l'accelerazione. Nella versione S (modello più sportivo), l'effetto dei turbocharger è amplificato dall'intercooler, che è un sistema simile a un radiatore che invia più aria e carburante al motore per creare più potenza. Gli altri produttori di automobili sono rimasti senza parole: in un periodo in cui stavano ancora sperimentando con i turbocharger, Maserati aveva già lanciato una vettura con due turbocharger e un intercooler. Il nome Biturbo si riferisce al fatto che il motore è dotato di questi due turbocharger potenziatori di potenza.

Anche l'interno alla moda, che rivela che questa macchina è di origine italiana, vale la pena di essere menzionato. I sedili sono stati progettati dalla famosa casa di moda italiana Missoni, e la console centrale in pelle finemente rifinita è altrettanto impressionante. Insieme creano un intero sorprendente e molto confortevole che emana lusso ed eleganza italiana.

Nel 1994, è stata presa la decisione di interrompere la produzione di questo angelo custode per Maserati. Il numero totale di unità prodotte si attesta intorno alle 37.000, e il consenso è che sia stata una storia di successo. Maserati era stata salvata dalla bancarotta, e si può argomentare che questa auto ne fosse responsabile.

Maserati Biturbo S

Maserati Biturbo S è la versione sportiva del già sportivo Maserati Biturbo ed è stato disponibile dal 1983 al 1984. Questa versione S è stata prodotta esclusivamente per il mercato italiano e forniva 25 cavalli in più rispetto al Biturbo normale. Per l'esportazione, è stata progettata un'equivalente denominata Maserati Biturbo ES, l'unica differenza era una maggiore capacità del motore.

Apparentemente sono stati prodotti solo 150 esemplari di questa versione italiana S. A quattro decenni dalla produzione, non è chiaro quanti di essi siano ancora in buone condizioni, ma resta il fatto che questa auto era già rara quando era nuova e sta diventando sempre più rara. È garantito che sia un investimento gratificante!

Informazioni tecniche:

Carrozzeria

  • Lunghezza (cm): 415
  • Larghezza (cm): 171
  • Altezza (cm): 131
  • Passo (cm): 251
  • Peso (kg): 1086

Meccanica

  • Motore: motore V6 da 2,0 litri con 2 turbo IHI e intercooler, all’ anteriore
  • Comando valvole: 18 (3 per cilindro!)
  • Sistema di alimentazione: 1 carburatore ‘twin-choke’ Weber
  • Cambio: manuale a 5 marce
  • Trasmissione: RWD
  • Sterzo a sinistra
  • Potenza massima: 205 CV (151 kW) a 6500 giri/min
  • Coppia massima: 253 Nm a 3200 giri/min
  • Velocità massima: 221 km/h
Leggi di più