NL - FR - EN - DE - IT

Aperto da martedì a sabato dalle 10.00 alle 17.00. Chiuso la domenica e i giorni festivi.

Lunedì su appuntamento.

Aperti weekend 27-28/04/2024, vieni anche tu?✨

  

Eventi - Oldtimerfarm

Non esitate a contattarci via e-mail: info@oldtimerfarm.be o a chiamare il numero +32 472 40 13 38.

Mini 1000 '89

€ 5.950

Riferimento ch4478
Marchio Mini
Modello 1000 '89
Tipo berline
Anno di costruzione 1989
KM 95099
Cilindrata 998
Cambi manuale
Volante guida a sinistra
Prezzo € 5.950

Walkaround video: Click here

Inspection report on Dropbox: Click here

 

  • La combinazione bicolore perfetta per un’auto britannica: British Racing Green e tetto bianco
  • Look sportivo: strisce viper e doppio scarico
  • Per un vero appassionato di Mini

 

La Mini, una piccola auto con una grande storia. Nel 1959, il produttore di automobili britannico British Motor Corporation (BMC) ha lanciato la Mini, ed è ovvio che avevano un obiettivo chiaro in mente: creare un'auto piccola e adatta alle città con un design carino. Grazie ai Beatles e alla sua partecipazione in innumerevoli film famosi, l'auto ha acquisito uno status iconico nel corso dei decenni.

È stato Alec Issigonis, un designer di auto greco-britannico che ha lavorato per la BMC, a dare vita alla Mini. Aveva un obiettivo chiaro in mente: creare un'auto economica e a basso consumo che fosse facile da guidare e manovrare nelle strette strade delle città britanniche. Questo approccio, insieme al design giocoso, ha creato una vera e propria mania tra i giovani. La Mini è diventata anche molto popolare tra le persone influenti, tanto che tutti i membri dei Beatles - John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr - mostravano orgogliosamente le loro Minis. Nel 1969, l'auto assume il ruolo principale nel film The Italian Job in cui i rapinatori usano una Mini come auto di fuga. Anche l'auto di Mr. Bean è una Mini del 1977 di colore verde lime, che enfatizza la sua goffaggine nel modo migliore possibile.

Inizialmente, la Mini veniva prodotta in varie versioni, come una berlina, una station wagon, un furgone e persino un pick-up. Queste versioni non sono mai diventate di moda tra la folla. Inoltre, negli anni '80, la Mini ha iniziato a perdere la sua fama a causa della forte concorrenza di altre marche automobilistiche. Ciò ha causato una grave crisi finanziaria nel 1986 presso la British Leyland - l'ex BMC che possedeva anche Jaguar, Rover, Triumph e MG. Decisero persino di ristrutturare e privatizzare l'azienda e da quel momento nacque il Rover Group. Nel 1994, il Rover Group vende la Mini alla BMW, che sette anni dopo, nel 2001, lancia una versione raffinata della Mini. Oggi la BMW produce ancora la Mini - tenendo a mente la sua identità britannica - ed è disponibile in varie versioni: cabrio, completamente elettrica, ibrida, sportiva e persino una station wagon.

Come già detto, l'obiettivo era quello di costruire un'auto da città adatta al traffico delle città, quindi dovevano utilizzare il minor spazio possibile, che era una vera sfida a metà del XX secolo. Gli anni '50 sono spesso considerati un punto di svolta nella tecnologia automobilistica e la Mini ha contribuito a quel punto di svolta: un'auto a trazione anteriore con un motore trasversale e che risparmia spazio, che è altamente reattiva ed adatta al traffico cittadino.

Oggi, la Mini è un'auto d'epoca ambita, non solo tra gli appassionati di auto storiche. Il design carino e vulnerabile semplicemente ruba il cuore a tutti.

British Racing Green

British Racing Green - verde scuro in varie tonalità - non è solo uno dei tanti colori degli inglesi; è indissolubilmente legato alle ruggenti e veloci auto da corsa britanniche o, d'altra parte, alle normali vetture cittadine britanniche come ad esempio una Mini. Da molti anni, è tradizione per gli inglesi apparire sulla scena delle corse con questo colore non troppo appariscente, ma indubbiamente britannico. È il colore tipico britannico, accanto ai colori della famosa Union Jack.

Il British Racing Green è stato visto per la prima volta nel 1903 quando il pilota britannico Selwyn Francis Edge ha vinto il prestigioso Bennett Cup nel 1902 e ha così avuto il piacere di organizzare quella gara nel suo paese, il Regno Unito. Nel Regno Unito, il limite di velocità legale all'epoca era di 12 miglia all'ora - circa 20 chilometri all'ora - non esattamente una velocità per le auto da corsa. Ecco perché la gara è stata invece organizzata in Irlanda nel 1903, e i piloti britannici hanno espresso apprezzamento nei confronti degli irlandesi dipingendo le loro auto, come avrete già indovinato, di verde scuro, derivato dal verde irlandese. Da allora, il "British Racing Green" è diventato un termine e ha acquisito uno status di culto nei decenni successivi - e secoli? - anche al di là della pista.

Informazioni tecniche:

Carrozzeria

  • Lunghezza (cm): 305
  • Larghezza (cm): 141
  • Altezza (cm): 135
  • Passo (cm): 204
  • Peso (kg): 620

Meccanica

  • Motore: Motore 998 cc anteriore posizionato trasversalmente a quattro cilindri en linea
  • Comando valvole: 8
  • Sistema di alimentazione: 1 carburatore SU
  • Cambio: manuale a quattro marce
  • Trasmissione: FWD
  • Sterzo a sinistra
  • Potenza massima: 39 CV (29 kW) a 5250 giri/min
  • Coppia massima: 68 Nm a 2600 giri/min
  • Velocità massima: 132 km/h
Leggi di più